Home Il progetto Attività 5



Attività 5: Piano strategico transfrontaliero di sostegno all’innovazione

Partner responsabile: Région Rhône-Alpes


Obiettivo: Il disegno e la convalida di un piano strategico transfrontaliero di sostegno all’innovazione che delinea linee guida volte a permettere una pianificazione effettivamente condivisa delle politiche dell’innovazione nel medio-lungo termine.

Sottoattività 5.1.: Metodologia e derivazione dei modelli, risultati, dinamiche di collaborazione della sperimentazione e benchmarking delle politiche a supporto dell’innovazione
Partner responsabili: Regione Liguria e Région Rhône-Alpes

Si raccolgono, si analizzano e si strutturano tematicamente tutte le informazioni necessarie per l'elaborazione di un piano strategico transfrontaliero di supporto all’innovazione: in particolare si fa riferimento al rapporto elaborato durante la sottoattività 4.5, definendo un quadro degli interventi di open innovation.
Partendo da questa base si sviluppano le seguenti attività:

  • Benchmarking e mappatura, per descrivere gli attori e il loro ruolo nel contesto della sperimentazione avvenuta nonché il potenziale di interazione tra i cluster presenti sui territori e la loro capacità di offrire servizi congiunti alle imprese e istituzioni locali.
  • Analisi delle risorse e delle esigenze necessarie per ciascuna categoria di attori (istituzioni, imprese, centri R & D, etc.) come è emerso dalle azioni pilota.

Così per ogni tematica sono descritti e valutati i seguenti elementi:

  • Le potenzialità e la qualità dell'offerta di innovazione.
  • La necessità di interventi a sostegno delle attività dei soggetti innovativi portatori di interesse, ad esempio in termini di investimenti in infrastrutture.
  • L'integrazione tra PMI.
  • Gli interessi in specifiche attività di ricerca, la capacità di collaborare e lavorare congiuntamente con altri soggetti di altre regioni, l’approccio all’innovazione, la capacità di competere in un’ottica di mercato globale.

Parallelamente e in modo similare si conduce altresì un’analisi comparativa tra le Regioni e gli altri Enti istituzionali coinvolti nel sostegno delle politiche di Ricerca e Sviluppo Tecnologico e dei programmi all'interno delle singole regioni. Infine, si definiscono gli ambiti d'intervento in materia di innovazione da un lato istituzionale, sulla base delle esigenze di innovazione e della domanda in termini di incentivi e risorse per sostenere le attività dei cluster e delle PMI.


La sottoattività 5.1 è avviata con un workshop introduttivo, in concomitanza con l’incontro di chiusura della 4.4 (organizzato durante l’Innovation Day ).


Sottoattività 5.2: Elaborazione di un piano strategico transfrontaliero sulla base delle sperimentazioni realizzate nell’ottica dei living labs transfrontalieri

Partner responsabile: Région Provence Alpes Côte d’Azur

In linea di massima i contenuti del piano strategico transfrontaliero di sostegno all’innovazione sono:

  • L’individuazione dei partner e della struttura di cooperazione, con i ruoli, le competenze e il contributo di ognuno di essi, nonché di altre categorie di attori istituzionali, industriali, di R&S.
  • L’identificazione del sistema più appropriato di finanziamento (programmi nazionali o regionali o comunitari).
  • Un elenco di risorse da reperire attraverso attività di networking internazionale, al fine di superare i gap a livello locale e di definire una strategia nel più ampio contesto europeo.
  • La descrizione degli scenari economici, sociali e tecnologici, utilizzando la metodologia e gli indicatori stabiliti dal partenariato.
  • La descrizione precisa delle linee guida di indirizzo previste, di possibili sistemi di attuazione e dei risultati attesi, nell’ottica di aumentare il potenziale di ricerca e la mobilità dei ricercatori, migliorare la condivisione delle infrastrutture di RST e il trasferimento di conoscenze tra centri di ricerca ed imprese, creare nuove iniziative congiunte di ricerca e sviluppo..

Il piano strategico si focalizza in via prioritaria su azioni a livello transfrontaliero, favorendo la collaborazione e l'apprendimento reciproco tra i partner italiani e francesi coinvolti, non escludendo però a priori eventuali azioni da sviluppare unicamente a livello regionale. Vuole essere uno strumento di supporto alle Regioni partner in modo che possano svolgere efficacemente un ruolo di “animazione e accelerazione" dei processi innovativi, contribuendo fattivamente a creare un ambiente favorevole all’innovazione. A tal fine è auspicabile una sua integrazione negli orientamenti politici e strategici degli attori locali.


La sottoattività 5.2 prevede la realizzazione di due meeting tecnici, uno di avvio delle attività di definizione del piano (organizzato probabilmente a Lione) ed uno di chiusura delle attività di elaborazione (da tenersi presumibilmente a Marsiglia).


Sottoattività 5.3: Validazione del piano strategico transfrontaliero di sostegno all’innovazione


A partire dai risultati delle precedenti azioni e degli impatti attesi, è effettuata una valutazione complessiva del piano strategico che considera:

  • La coerenza e la complementarità del piano con le politiche ed i programmi regionali, nazionali e comunitari di ricerca ed innovazione.
  • La rispondenza tra le previsioni di sviluppo tecnologico emerse durante i tavoli di discussione dei gruppi di lavoro e i risultati attesi innovativi delle indicazioni del piano.
  • La capacità del piano di contribuire alla sviluppo economico locale e transfrontaliero in termini di creazione di nuovi posti di lavoro, di attrazione degli investimenti ed di altre valutazioni economiche.

La validazione deve essere effettuata sia a livello politico che tecnico all'interno dei singoli Enti partner: i contenuti del piano sono prima sottoposti ai singoli partners e poi al Comitato di Pilotaggio, che può introdurre misure correttive prima che il processo definitivo di convalida sia completato.


La sottoattività 5.3 si conclude con la validazione delle attività e del piano strategico transfrontaliero da parte del Comitato di Pilotaggio, durante la sua riunione finale (che si svolge in concomitanza con la conferenza di chiusura del progetto).